Cosa sono le safe areas in un video? Dobbiamo ancora tenerne conto anche oggi tra TV LCD, Youtube e Netflix? In generale, possiamo rispondere: si; e in questo articolo vedremo perché.

Cosa sono e perché esistono le safe areas

Title Safe a Action Safe indicano le aree del fotogramma in cui, rispettivamente, azione e titoli sono al sicuro. Ma al sicuro da cosa? Per scoprirlo, dobbiamo fare un passo indietro nel tempo.

Ormai è molto raro vederne una, ma le TV a tubo catodico hanno dominato il mercato per decenni. Su questi televisori, l’immagine veniva “proiettata” sullo schermo da un fascio di elettroni. Ció creava distorsioni ai bordi dell’immagine e una parte di questa veniva addirittura proiettata fuori dallo schermo (Overscan). Di fatto, l’area di overscan non veniva mostrata col rischio che anche grafiche o titoli in sovrimpressione troppo vicini ai bordi non fossero visibili o apparissero tagliati.

La quantità di immagine distorta o croppata dipendeva dalla qualità dello schermo e poteva peggiorare con l’invecchiare del monitor.

Nel 1961 la SMPTE, definì i margini entro cui far stare i titoli di un programma (Title Safe), prendendo come riferimento il caso peggiore di cropping che si sarebbe potuto verificare, e una porzione di immagine minima (Action Safe) che comunque sarebbe stata tagliata a causa dell’overscan.

Il documento SMPTE RP 8 stabiliva la posizione dei margini Action Safe e Title Safe, rispettivamente al 10% e al 20% della risoluzione dell’immagine. Ancora oggi, molti software di montaggio usano di default questi margini.

Action Safe e Title Safe su TV LCD e web.

Le TV a tubo catodico sono “quasi” del tutto scomparse. Una certa percentuale di TV a tubo catodico è ancora in circolazione e i broadcaster hanno sempre cercato la retrocompatibilità coi vecchi standard. La “maggior parte” degli schermi LCD non ha più questo problema ma ci sono TV LCD che, per motivi costruttivi, continuano a tagliare i margini dell’immagine, anche se meno di quanto accadeva con le TV CRT.

Ecco perché le aree Title Safe e Action Safe non sono scomparse e perché la EBU, nel suo documento EBU-R95 ridefinisce le Safe Areas secondo nuovi parametri.

In nuovi margini per la tv digitale ad alta definizione sono rispettivamente al 10% e al 7% della risoluzione dell’immagine.

Software di montaggio e safe areas.

Alcuni software di montaggio, ma anche alcune emittenti, usano ancora le vecchie impostazioni per Title Safe e Action Safe. Altri, ad esempio DaVinci Resolve, si sono adattati ai nuovi standard. Premiere Pro, usa di defalut il vecchio standard ma si possono modificare le Safe Areas dal menu File > Progetto > Impostazioni progetto > Generali.

Safe areas e video per il web.

Sul web non ci sono standard specifici da rispettare per le safe areas. I monitor per computer non hanno, in genere, problemi di overscan ma ci sono almeo due buoni motivi per rispettare l’area di Title Safe anche quando produciamo video per il web:

  • Le grafiche troppo vicine al bordo dell’immagine sono brutte: è sicuramente una questione di gusti personali, ma un po’ di margine tra il bordo dell’immagine e le grafiche non guasta.
  • Le Safe Areas ci permettono maggiore flessibilità: se lo stesso video prodotto per il web e poi viene richiesto da un’emittente televisiva che chiede di rispettare Action Safe e Title Safe, non dovremo rimettere mano al progetto per modificare la posizione delle grafiche.

E voi cosa ne pensate? Safe areas si o no?