premiere-afterburner

Dopo il recente rilascio di Premiere Pro CC 2020 14.2, che tra le altre novità, introduce il supporto al ProRes RAW, Adobe sta già testando la beta della versione 14.3 con una novità riservata, ancora una volta, agli utenti Apple che utilizzano un Mac con scheda Afterburner.

La scheda accelera i flussi di lavoro in Pro Res e permette di decodificare in tempo reale fino a 6.3 miliardi di pixel, un numero che si traduce in 6 flussi contemporanei di ProRes Raw a 8K o 23 flussi di ProRes RAW a 4K eliminando virtualmente la necessità di ricorrere ai proxy. Secondo il sito Macrumors, Premiere Pro CC inizialmente supporterà l’accelerazione tramite scheda Afterburner soltanto per i codec video ProRes 444 e ProRes 422 e i progetti dovranno essere impostati per utilizzare il motore di rendering Metal. 

La scheda Afterburner è disponibile esclusivamente per i nuovi Mac Pro come optional. Può essere aggiunta tramite il configuratore di Apple al momento dell’acquisto del computer, o acquistata separatamente al costo di 2500€ . La Afterburner può essere installata in un qualsiasi slot PCI a piena lunghezza ma offre il meglio di sé quando installata in uno slot PCI16

Inizialmente pensata soltanto per Final Cu Pro X, Apple ha aperto la possibilità di supportare la scheda anche a sviluppatori di applicazioni di terze parti.