In uno scorso tutorial, abbiamo visto come creare dei proxy in Premiere Pro durante l’importazione. Ora vedremo invece come creare dei proxy esternamente, usando DaVinci Resolve, per poi sfruttare la funzione di Pemiere Pro che ci permette di passare rapidamente dai file originali ai proxy e viceversa.

Perché creare i proxy esternamente?

Creare i proxy direttamente in Premiere Pro è semplice. Ci sono dei preset già pronti, adatti a diversi aspect ratio, e bastano pochi click. Ma se abbiamo bisogno di un formato proxy personalizzato, soprattutto per clip con audio multicanale, spesso è più veloce creare i proxy esternamente. Possiamo farlo con qualunque software di compressione ma la versione gratuita di DaVinci Resolve è perfetta per questo genere di lavoro.

Presupposti del tutorial

Questo tutorial presuppone una conoscenza di base di DaVinci Resolve, su come importare le clip e come esportarle. La procedura che seguiremo presuppone l’uso della versione gratuita del software di Blackmagic. Nella versione Studio, dove non abbiamo limiti sulla risoluzione della timeline, non è necessario impostare il progetto in anticipo ma possiamo lavorare nel formato nativo dei file ed effettuare il downscale alla fine.

Impostiamo il progetto di DaVinci Resolve per i proxy

Aperto DaVinci Resolve e creato un novo progetto, prima di compiere qualsiasi altra operazione, andiamo a impostare la timeline secondo le caratteristiche che devono avere i nostri proxy. Nel progetto di esempio creato per questo tutorial, creeremo dei proxy 1280 x 720 a 25fps.

impostazione-progetto-DVR

Importiamo le clip in DaVinci Resolve e prepariamo la timeline.

Impostato il progetto, importiamo i file di cui vogliamo creare i proxy all’interno del progetto. Possiamo farlo sia usando la Media Page che direttamente nel pannello Media della Edit Page.

Creiamo una nuova timeline con le clip da esportare.

Selezioniamo col tasto destro tutte le clip da esportare e selezioniamo create new timeline using selected clips dal menu contestuale.

create-timeline-resolve

Prepariamoci all’esportazione

  • Selezioniamo la timeline appena creata e spostiamoci nella Delivery Page.
  • Verifichiamo che risoluzione di esportazione e frame rate siano corretti.
  • Impostiamo anche il codec da usare per l’esportazione dei proxy. In questo caso esempio abbiamo usato il ProRes 422 Proxy.

proxy-parametri-DVR

Impostiamo l’audio

Nel pannello audio delle impostazioni di rendering, accertiamoci che il numero dei canali sia lo stesso di quello delle clip sorgente, quindi same as source, e che la bit depth corrisponda a quella dell’audio originale.

proxy-audio-DVR

Impostiamo il rendering

  • Nel pannello file delle impostazioni di rendering, impostiamo l’opzione individual clips, in modo che Resolve non esporti la timeline come unica clip, ma i singoli file in batch.
  • Impostiamo anche il parametro filename uses come source name, così che i file esportati abbiano lo stesso nome degli originali, ma ricordiamoci di utilizzare come destinazione dei proxy una cartella specifica e riconoscibile, diversa da quella dei file di partenza.

Renderizziamo!

Una volta impostati i proxy, aggiungiamo la timeline alla coda di rendering e lanciamo l’esportazione.

Rinominiamo i proxy

Terminata l’esportazione, individuiamo la cartella in cui abbiamo esportato i proxy che ora hanno lo stesso nome delle clip originali.

Per evitare di confonderli, andiamo a rinominarli, aggiungendo il suffisso _proxy ai diversi file. Grazie a questo suffisso, Premiere sarà in grado di riconoscerli come proxy quando andremo a ricollegarli.

Se lavoriamo su un Mac recente, rinominare i file in batch è abbastanza semplice. Basta selezionare i file nel Finder, andare nel menu a ruota dentata in cima alla finestra, selezionare rinomina e impostare il suffisso _proxy dopo il nome del file.

In Windows, invece, avremo bisogno di un software come Bulk Rename Utility, che è gratuito, ma basta fare una ricerca su google per trovarne altri.

rinominare-proxy

Agganciamo i proxy in Premiere

Andiamo ora in Premiere, dove avremo già importato i file originali all’interno del progetto su cui vogliamo lavorare.

Selezioniamo col tasto destro i file originali e scegliamo dal menu contestuale il comando proxy > attach proxy.

Premiere ci presenta una finestra simile a quella per ricollegare i file offline. Dalla cartella che contiene i file appena creati in Resolve, selezioniamo il primo file proxy. Premiere riconoscerà automaticamente gli altri.

Possiamo verificare che i proxy sia stati agganciati correttamente tramite questa procedura.

  • Col tasto destro del mouse clicchiamo in una delle colonne del pannello progetto e selezioniamo metadata display.
  • Scriviamo proxy nel campo di ricerca in alto.
  • Abilitiamo la voce proxy.
  • Scorriamo i vari metadati della clip, per verificare che i file proxy siano correttamente associati alle clip.

metadata-proxy

proxy-attached

 

Abilitiamo i proxy

Ora non ci resta che abilitare il montaggio coi proxy attraverso il pulsante toggle proxy nel monitor programma. Se nel nostro monitor programma non vediamo questo pulsante possiamo aggiungerlo cliccando sul segno + e trascinandolo nell’are dei pulsanti.

proxy-enable

Quindi possiamo abilitare o disabilitare i proxy secondo le nostre necessità.proxy-abilitati

Durante il rendering, Premiere userà i file originali quindi non è necessario disabilitare i proxy prima dell’export.