La maggior parte delle volte che creiamo un progetto di Premiere, non ci poniamo il problema di impostare i canali audio. Utilizziamo la configurazione di default ed esportiamo in stereo.

Ma se abbiamo fatto eseguire un mix 5.1 da uno studio o da un professionista esterno che ci consegna i sei canali in tracce separate? O se un’emittente ci chiede un singolo file video con audio multicanale? Come impostare correttamente Premiere Pro in questi casi? È quello che vedremo nel tutorial.

Due premesse

  1. Questa procedura non riguarda il montaggio ma il mastering, quindi partiamo da un master audio già finalizzato.
  2. Non è necessario disporre di un sistema di monitoraggio 5.1 per eseguire questa operazione. Se ne abbiamo uno, possiamo verificare che sia tutto OK mandando in playback la timeline e ascoltando il suono prima di esportare. Ma poiché il mix è già stato eseguito e non dobbiamo fare altro che riaccoppiarlo al video, va bene anche una normale scheda audio stereo. Basta affidarsi ai meter per essere certi che i vari canali siano mappati correttamente. Vedremo più avanti come procedere.

La mappatura dei canali 5.1

Il 5.1 può avere mappature diverse in base allo standard utilizzato. In questo tutorial useremo la configurazione più comune, quindi L R C Lfe Ls Rs, cioè Left – Right – Center – Low Frequency Effects (il sub, per intenderci), Left Surround (Speaker posteriore sinistro), Right Surround (speaker posteriore destro). A ogni modo, la procedura per esportare master 5.1 mappati in maniera diversa cambia poco ed è facilmente intuibile.

Impostare la sequenza per esportare un master 5.1 in Premiere Pro

  • Prima di tutto, creiamo una nuova sequenza di Premiere.
  • Impostiamo il formato video corretto in base al file sorgente.
  • Nel tab delle tracce audio impostiamo il master come multicanale e il numero di canali su 6 (5+1).
  • Aggiungiamo tante tracce quante ce ne servono per arrivare a 6 e assicuriamoci che siano tutte mono. Possiamo modificare il tipo di traccia dal menu a tendina.
  • Alterniamo il pan delle tracce in modo che corrispondano a: A1-L(-100) A2-R(100) A3-L(-100) A4-R(100) A5-L(-100) A6-R(100)
  • Per ciascuna traccia, clicchiamo sull’icona output assignment e assegnamo un canale d’uscita a ciascuna traccia in modo che: A1-A2 siano configurati sui canali 1-2, A3-A4 sui canali 3-4 e A5-A6 sui canali 5-6.

Ricordiamoci che possiamo salvare dei preset delle sequenze per evitare di dover reimpostare da zero questa configurazione.

Prepariamo la sequenza per l’esportazione

A questo punto, inseriamo in timeline il video da esportare.
Dopodiché aggiungiamo i file audio ai canali corrispondenti. Chi si occupa di post produzione audio, nomina i file in modo che siano riconoscibili. Nell’esempio, alla fine del nome di ogni file, è specificato il canale a cui appartiene.

Ora passiamo alla verifica. Se abbiamo una scheda audio 5.1 possiamo ascoltare il suono dall’impianto. Se abbiamo una scheda stereo, possiamo guardare l’audio meter.

La prima cosa che noteremo è che ha sei cursori, uno per ciascun canale. Se la configurazione è corretta, mettendo in solo ciascuna traccia audio, vedremo il segnale soltanto nel cursore del meter corrispondente. Altrimenti, qualcosa è andato storto e dobbiamo riconfigurare la sequenza da capo, creandone una nuova.

Esportare il video con audio 5.1

Dal pannello di esportazione di Premiere Pro, impostiamo prima di tutto il formato video. Poi passiamo al pannello audio. A questo punto dal menu a tendina scegliamo di includere tutti e sei i canali audio.

Possiamo esportare il file direttamente come 5.1 scegliendo, tra le varie configurazioni, quella corretta. Le due opzioni sono simili tra loro. Preferire l’una o l’altra dipende dalle nostre esigenze, o dalle richieste del network o del cliente.

In generale, selezionando 5.1, un comune player video (ad esempio VLC) interpreta subito il file come tale. Se l’export è destinato alla riproduzione su un mediaplayer casalingo o a un dispositivo consumer con decoder 5.1., probabilmente questa è l’opzione giusta. Al contrario, i network televisivi preferiscono i canali separati.

Che nome dare al file

Anche esportando il file direttamente come 5.1, il cliente o il network che lo riceve non sempre è in grado di sapere in che modo sono stati mappati i canali. Il modo migliore per non creare confusione è aggiungere questa informazione al nome del file. Ad esempio, il nome del mio master sarà MioFilm-LRCLfeLsRs.mov

Esportare audio muticanale

Una richiesta tipica di alcuni studi o network televisivi è che venga esportato un file con audio multicanale, contenente sia una versione 5.1 che una stereo dell’audio.

Per farlo, dobbiamo ripartire dal momento in cui creiamo la sequenza. Invece di 6 tracce mono, ne aggiungeremo 8 (6 per il 5.1 e 2 per lo stereo).

Settiamo il pan delle tracce da 1 a 6 come abbiamo fatto per il 5.1. Le ultime due saranno impostate in questo modo: A7-L (-100) e A8R (100). Per entrambe, l’uscita sarà mappata sui canali 7 e 8.

A questo punto aggiungiamo l’audio in timeline. Le prime cinque tracce saranno assegnate ai canali 5.1, le ultime due al mix stereo dello stesso programma, quindi ai canali sinistro(Lt) e destro (Rt).

In questo caso, abbiamo di nuovo due alternative. Esportare gli 8 canali separatamente

Oppure esportare 2 stream audio separati, uno con l’audio 5.1 e l’altro con i due canali stereo, anche se quest’ultima opzione è poco comune.

L’importante è ricordare sempre di aggiungere la configurazione audio al nome del file. In questo caso MioVideo-LRCLfLsRs-LtRt.mov

Seguendo lo steso principio, possiamo esportare in Premiere Pro, qualsiasi configurazione audio multicanale, aggiungendo il numero di canali che ci servono.

È una funzione particolarmente utile quando dobbiamo esportare, ad esempio, programmi con audio in più lingue.

Ti piace Thepostspot? Fai una donazione!

Le risorse e i tutorial su The Post Spot sono gratuiti ma gestire il sito richiede un investimento di tempo e ha dei costi di hosting. Un tuo piccolo contributo può aiutare a coprire queste spese e a fare in modo che The Post Spot continui a esserti utile ancora a lungo. Grazie!

Write A Comment